Resetta la password

I tuoi risultati di ricerca

Posti da visitare

Palazzo Grassi

Situato in Campo San Samuele e affacciato sul Canal Grande, Palazzo Grassi presenta importanti mostre temporanee, alcune delle quali tratte in tutto o in parte dalla Collezione di François Pinault. L’edificio è l’ultimo palazzo sul Canal Grande costruito dopo il crollo della Repubblica di Venezia nel 1797. La sua nobiltà evidenzia l’importanza storica dei capolavori della collezione, che qui possono benissimo sentirsi a casa, nel dialogo tra architettura neoclassica e rinnovamento moderno soluzioni realizzate dall’architetto Tadao Ando.

Indirizzo: San Marco 3231, Campo San Samuele

Sito: www.palazzograssi.it

Ponte di Rialto

Il Ponte di Rialto è il più antico dei quattro ponti che attraversano il Canal Grande. Dopo il crollo della precedente struttura (un ponte in legno costruito nel 1255), l’attuale ponte fu costruito in pietra tra il 1588 e il 1591 e, fino alla costruzione del Ponte dell’Accademia (1854), rimase l’unico mezzo per attraversare il Canal Grande a piedi. L’attuale ponte in pietra, a campata unica progettata da Antonio da Ponte, fu finalmente completato nel 1591. È simile al ponte in legno che successe, con tre passaggi pedonali: due lungo le balaustre esterne e un più ampio camminamento centrale piccoli negozi che oggi vendono gioielli, biancheria, vetri di Murano e altri oggetti per il commercio turistico. L’ingegneria del ponte è stata considerata così audace che l’architetto Vincenzo Scamozzi ha previsto future rovine. Il ponte ha sfidato i suoi critici per diventare una delle icone architettoniche di Venezia.

Palazzo del Doge

Il Palazzo Ducale era la sede del governo, il Palazzo di Giustizia e la residenza del Doge di Venezia (il Doge era l’autorità suprema dell’ex Repubblica di Venezia – dal 697 al 1797). La costruzione dell’attuale palazzo gotico deve il suo aspetto ai lavori di costruzione del XIV e XV secolo. Le stanze sono decorate con dipinti storici allegorici che abbelliscono le pareti e, in passato, erano utilizzate per impressionare ambasciatori e dignitari in visita. Quando la Repubblica cadde nel 1797, il suo ruolo cambiò inevitabilmente e. Venezia fu sottoposta prima al dominio francese, poi austriaco e infine, nel 1866, entrò a far parte dell’Italia unita. Il palazzo è stato aperto come museo nel 1923.

Indirizzo: San Marco 1

Sito: palazzoducale.visitmuve.it

Teatro La Fenice

Il Teatro La Fenice è uno dei più famosi e rinomati teatri italiani, e nella storia dell’opera nel suo complesso. Soprattutto nell’Ottocento il nome de La Fenice era legato al grande compositore italiano; Qui hanno avuto luogo le prime liriche de “La Traviata” di Verdi e Tancredi e Semiramide di Rossini. Il suo nome riflette il suo ruolo nel permettere a una compagnia d’opera di “risorgere dalle ceneri” nonostante abbia perso l’uso di tre teatri per incendio, il primo nel 1774, il secondo nel 1836 e il terzo nel 1996. Dopo importanti lavori di ricostruzione, il teatro ha riaperto nel novembre 2004.

Indirizzo: Campo San Fantin, San Marco 1965

Sito: www.teatrolafenice.it

Museo Fortuny

Un tempo di proprietà della famiglia Pesaro, questo edificio gotico in Campo San Beneto è stato trasformato da Mariano Fortuny (stilista, pittore, scultore, scenografo, fotografo e artista) nel suo atelier. Lasciato in eredità alla città dalla vedova di Fortuny, oggi l’edificio mantiene la struttura creata da Fortuny. La collezione all’interno del museo comprende un ampio numero di pezzi che riflettono i vari campi indagati dall’artista, come la pittura (circa 150 dipinti che illustrano le varie fasi della carriera dell’artista), la luce (fulcro del lavoro di Fortuny) , fotografia (comprendente opere dal 1850 alla seconda guerra mondiale, in una ricca varietà di stili) e tessuti e fashion design.

Indirizzo: Campo S. Beneto, San Marco 3958

Sito: fortuny.visitmuve.it

La Basilica di San Marco

La Basilica di San Marco, la chiesa più importante di Venezia, è uno degli esempi più noti di architettura italo-bizantina. La chiesa esistente, organizzata a croce greca e coronata da cinque cupole, è stata progettata da ignoto architetto nel 1063-1094 e ha continuato a essere rimaneggiata negli anni. Costruita come cappella privata del Doge per le cerimonie di Stato, nel 1807 diventa la Cattedrale della città. All’interno, la Chiesa appare come un’opulenta miscela di influenze orientali e occidentali, con marmi, intagli e mosaici.

Indirizzo: Piazza San Marco

Sito: www.basilicasanmarco.it

Mercerie

Mercerie (composta dalla Merceria dell’Orologio, dalla Merceria di San Zulian, dalla Merceria del Capitello e dalla Merceria di San Salvatore) è la principale arteria commerciale di Venezia, che collega Piazza San Marco a Rialto. Fin dai primi anni della Repubblica di Venezia, questa zona ospitava botteghe e magazzini che fornivano beni preziosi che arrivavano da paesi lontani, come tessuti, spezie e profumi. Ancora oggi le Mercerie sono il cuore commerciale della città, proponendo gioielli, moda, calzature, vetri e altri mestieri.

Palazzo Contarini del Bovolo

Il Palazzo Contarini del Bovolo (detto anche Palazzo Contarini Minelli dal Bovolo) è un palazzetto costruito nel XV secolo dalla Famiglia Contarini, detta anche “i Filosofi”. Questo edificio è meglio conosciuto per la sua imponente scala a chiocciola esterna ad archi, chiamata anche Scala Contarini del Bovolo (in dialetto veneziano “bovolo” significa “guscio di lumaca”), aggiunta nel 1499. La scala conduce ad un porticato, offrendo una vista impressionante dei tetti della città; da febbraio 2016 è possibile visitare il palazzo.

Indirizzo: Corte Contarini del Bovolo , San Marco 4299

Sito: www.scalacontarinidelbovolo.com

Contattaci

I have read the Privacy Policy and consent to the processing of my personal data